Viburno, cos’è e come coltivarlo

viburno

Il viburno (Viburnum) è un genere di arbusti o piccoli alberi sempreverdi o decidui, appartenenti alla famiglia delle Caprifoliaceae.

Il nome deriva dal latino Vibur Num, che significa “forza di capro”. Questa pianta può avere forme diverse a seconda della specie, quindi la sua altezza può variare da pochi centimetri a più di due metri. Inoltre, sono caratterizzati da colorazioni bianche, rosse o marroni.

Come coltivare il viburno?

viburni sono molto facili da coltivare, quindi possono essere adatti sia ai principianti che agli esperti. Tuttavia, ci sono alcune linee guida da seguire per garantire una buona salute e una corretta fioritura:

  • La pianta ha bisogno di sole parziale o di luce indiretta, quindi non è necessario posizionarla in un punto con molta luce solare diretta.
  • Ha bisogno di terreno ben drenato, ma ricco di nutrienti, quindi è bene aggiungere del compost organico prima di piantarla.
  • Ha bisogno di acqua regolarmente, ma non dovrebbe essere lasciata inzuppata, quindi controllare sempre che il terreno sia umido ma non bagnato.

Cura dei viburni

Una volta piantati, questi arbusti hanno bisogno di cure regolari per mantenersi in buona salute e produrre le loro fioriture. La cura principale consiste nel potatura periodica, principalmente nei mesi di autunno e inverno. Questo consente di rimuovere eventuali rami secchi, malati o rotti e favorisce la crescita di nuovi rami.

Malattie e parassiti

Se i viburni non sono curati correttamente, possono essere colpiti da varie malattie o parassiti. Tra questi ultimi vi sono gli afidi, che si nutrono delle foglie causando macchie chiare o scure su di esse, e le cocciniglie, che sono piccoli insetti gialli che succhiano la linfa vitale delle foglie. Per prevenire questi problemi di salute, è importante assicurarsi che le piante siano in buone condizioni e fornire loro una buona irrigazione ed esposizione al sole.

Benefici del viburno

Oltre alla bellezza, esso offre anche numerosi benefici per l’ambiente. Le sue foglie possono contribuire a ridurre l’inquinamento atmosferico e il suo sistema radicale può aiutare a mantenere la fertilità del terreno. Inoltre, le sue fioriture profumate sono un richiamo per gli insetti impollinatori come api e farfalle, contribuendo così alla biodiversità.

Varietà di viburno

Esistono centinaia di varietà di viburno, tra cui alcune coltivate solo per la bellezza delle loro fioriture. Tra le più popolari ci sono Viburnum carlesii, che produce fiori bianchi profumati, Viburnum opulus, che produce grappoli di bacche rosse, e Viburnum tinus, che è una delle poche specie di viburno adattabile anche alle zone costiere.

Consigli finali

Coltivare un viburnum può essere un progetto divertente e gratificante, soprattutto se si desidera avere un giardino bello e produttivo. Assicurati di seguire le linee guida sulla cura e la manutenzione, controllare frequentemente le piante per individuare malattie o parassiti e goderti le fioriture dei tuoi viburni!